-->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

lunedì 8 agosto 2016

PAKISTAN – Ragazza cristiana convertita con la forza all’islam fugge dai rapitori

Lahore (Agenzia Fides) – Una ragazza cristiana pakistana sordomuta è riuscita a fuggire da un uomo musulmano che l’aveva rapita e costretta alla conversione all’Islam e al matrimonio islamico. Ora, dopo l’atto coraggioso, la ragazza e la sua famiglia, che si trovano a Sialkot, nella provincia pakistana del Punjab, sono minacciati di morte.

Secondo i religiosi musulmani, infatti, Asma (che viene da loro chimata con il nome islamico Aysha), è ormai convertita all’Islam ed è moglie di un musulmano, dunque non può fare ritorno alla sua famiglia di origine.

Come appreso da Fides, Asma è stata rapita cinque mesi fa dal suo vicino di casa Ghulam Hussain, musulmano molto influente, che ha relazioni con esponenti della polizia e del mondo della politica. Ora Hussain sta minacciando il padre di Asma, Gulzar Masih. Questi è andato alla stazione di polizia locale per denunciare i fatti: la polizia però lo ha invitato a riconsegnre sua figlia al marito. Ora , doo una denuncia legale, il caso è in tribunale.

Ghulam Hussain ha presentato il certificato di una madrasa (scuola coranica) che certifica la conversione di Asma e ha presentato anche un certificato di matrimonio. Naturalmene, spiega l’avvocato di Asma e della sua famiglia, i documenti sono contraffatti e le firme sono state estorte con la forza alla ragazza.

Nasir Saeed, direttore dell’Ong “CLAAS”, che sta segunedo il caso, ha spiegato a Fides: “Casi di conversione forzata e rapimento di ragazze cristiane e indù sono in aumento e mostrano il fallimento delle istituzioni, che garantiscono l’impunità. La polizia e la magistratura sono complici e non difendono la legalità. Per questo molti indù e cristiani del Pakistan, sfiduciati, hanno iniziato a emigrare verso l’India e altri paesi: il Pakistan non li protegge e sentono che la loro vita e le loro proprietà sono a rischio”.

In Pakistan il rapimento di ragazze delle minoranze religiose e la conversione forzata all’Islam è un fenomeno diffuso: secondo fonti di Fides, ogni anno riguarda 700 ragazze cristiane e 300 indù. Tali cifre rappresentano solo i casi che vengono alle luce o arrivano in tribunale. (PA) (Agenzia Fides 4/8/2016)

Fonte: notiziecristiane.com

Nessun commento:

Posta un commento